Un nuovo trattamento per stabilizzare il diabete di tipo 1

L’Adefacept è una molecola che è stata a lungo prescritta sul mercato nordamericano per la gestione della psoriasi da moderata a grave, fino a quando il laboratorio che eroga il farmaco ha deciso di ritirarlo. Ma la ricerca che era stata condotta sull’azione della molecola sulla perdita di cellule nella psoriasi potrebbe essere utile nel trattamento del diabete di tipo 1.

Il diabete di tipo 1 è una malattia caratterizzata dalla perdita di alcune cellule del pancreas (le cellule β) che producono insulina. Come per la psoriasi, la malattia è caratterizzata dall’attivazione anomala di una famiglia di cellule chiave del sistema immunitario chiamate cellule T.

I ricercatori dell’Università di Indianapolis hanno sottoposto 33 pazienti a iniezioni di alefacept per 12 settimane, seguite da una pausa di 12 settimane, prima di riprendere le iniezioni per 12 settimane. Allo stesso tempo, un gruppo di 16 pazienti ha ricevuto iniezioni di placebo, seguendo lo stesso programma.

I ricercatori non hanno trovato alcuna differenza nella produzione di insulina da parte del pancreas dei pazienti entro due ore dal pasto. Tuttavia, entro quattro ore dal pasto, la produzione di insulina è rimasta più stabile nel gruppo dei farmaci che nel gruppo dei placebo. Il primo gruppo ha avuto anche meno episodi di ipoglicemia (calo improvviso di zuccheri nel sangue), che sono comuni nelle persone con diabete di tipo 1 e possono portare al coma diabetico.

Secondo il Prof. Mark Rigby, che ha condotto lo studio, i risultati sono incoraggianti perché “in futuro, questo farmaco potrebbe essere utilizzato per stabilizzare il diabete di tipo 1 e rallentare la sua progressione. Ma in nessun caso sarà in grado di curare la malattia. »

Inline Related Posts  Diabete: 4 consigli per un digiuno sicuro durante il Ramadan

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il diabete di tipo 1 rappresenta dal 5% al 10% dei casi di diabete in tutto il mondo, e si stima che ci siano tra i 10 e i 15 milioni di persone che soffrono di questa malattia.