iltuodiabete.it | HEMINGWAY, UN DIABETE DA NOBEL

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

HEMINGWAY, UN DIABETE DA NOBEL

Non c’è dubbio: Ernest Hemingway fu uno dei principali novellisti del XX secolo, oltre che un innato avventuriero e un instancabile viaggiatore.

Lo sapevi che ha avuto il diabete? Anche il padre e il fratello ne soffrivano. La sua vita piena di eccessi e dove l’alcol era il pane di ogni giorno, non contribuì certo a migliorare la sua malattia, e lo portò a sviluppare una retinopatia diabetica dell’occhio sinistro. Una curiosità: Hemingway era un grande amante del daiquiri, cocktail che, a causa della sua patologia, doveva bere senza zucchero e che diede vita alla variante "L'Hemingway Special".

Se si dovesse consigliare un solo libro di uno delle menti più brillanti di tutti i tempi il compito risulterebbe molto complicato. Perciò ve ne consigliamo 3:

  • Fiesta”: è il libro che ha consacrato il suo autore ventisettenne tra i più importanti scrittori americani della "generazione perduta". Basato su una materia ampiamente autobiografica (i viaggi compiuti da Hemingway con la moglie e alcuni amici in Spagna a partire dal 1923), il romanzo narra le vicende di un gruppo cosmopolita di giovani espatriati, con le loro burrascose inquietudini esistenziali e sentimentali.
  • Pubblicato per la prima volta sulla rivista Life nel 1952, “Il vecchio e il mare” è una storia che narra l’esperienza di un vecchio pescatore che dopo un lungo periodo di problemi, decide di tornare in mare. E’ il Moby Dick particolare di Hemingway.
  • Festa Mobile”: romanzo autobiografico sulla sua vita a Parigi negli anni Venti, dagli inizi letterari, alla vita con gli altri scrittori e artisti. Iniziò a scriverlo nel 1956 quando scoprì alcuni quaderni di appunti in due valigie che aveva lasciato nelle cantine dell’hotel Ritz di Parigi. Dopo la sua morte la sua quarta moglie Mary Hemingway riprende in mano i manoscritti e li fa pubblicare nel 1964.

Hemingway è morto suicida nel 1961 sopravvivendo di fatto a diabete, un cancro alla pelle, epatite e 2 incidenti aerei. L’autore di “Il vecchio e il mare” soffriva di emocromatosi ereditaria, il cosiddetto diabete “bronzino”. Si tratta di una patologia ereditaria indotta da una disfunzione del metabolismo, che fa accumulare quantità significative di ferro in alcuni organi come intestino e pancreas.

Lascia un commento