Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

CHI CREÒ L’INSULINA?

Nicolae Paulescu era uno scienziato romeno che dichiarò di essere stato la prima persona a scoprire l’insulina, chiamata al tempo pancreina.

Quando Frederick Banting e John James Rikard Macleod (University of Toronto) furono insigniti nel 1923 del Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina con il merito di aver creato l’insulina, Paulescu scrisse al comitato del Premio Nobel, affermando di essere stato il primo a scoprire ed usare l’insulina.

Le sue richieste di riconoscimento scientifico furono negate, ma grazie ad un professore inglese di nome Ian Murray, i risultati di Paulescu sono oggi riconosciuti in tutto il mondo.

La formazione medica

Paulescu nacque a Bucarest, nel 1869.

Sin da giovane si appassionò alla fisica e alla chimica e, dopo essersi diplomato al Mihai Viteazul High School in Bucharest nel 1888, si trasferì a Parigi, iscrivendosi alla facoltà di medicina. Si laureò alcuni anni più tardi, iniziando poi a lavorare come assistente chirurgo al Notre-Dame du Perpétuel-Secours Hospital, nel 1897.

Tre anni dopo ritornò in Romania, dove diventò Capo del Dipartimento di Fisiologia all’Università di Studi Medici di Bucarest. Rimase in questa posizione fino alla morte, nel 1931.

Paulescu nel 1897. Foto scattata durante il suo periodo di studi a Parigi.

La ricerca sulla pancreina

Nel 1916 Paulescu sviluppò un estratto pancreatico acquoso che, quando iniettato in un cane diabetico, attivava un processo di normalizzazione sui livelli di zucchero nel sangue dell’animale.

La pancreina di Paulescu era un estratto di pancreas bovino mantenuto in acqua salata, purificato con acido cloridrico e idrossido di sodio. Poco dopo, Paulescu fu chiamato dall’Esercito Nazionale Romeno per combattere nella Prima Guerra Mondiale. Quando tornò a casa nei primi mesi del 1921, scrisse un lungo saggio sugli effetti del suo estratto: “Studio sul ruolo del pancreas nell’assimilazione del cibo”, pubblicato nell’agosto del 1921.

In seguito, Paulescu ottenne il brevetto per la produzione e commercializzazione del suo estratto. Dal 10 aprile 1922, la pancreina iniziò a circolare tramite il Ministero Romeno per l’Industria e il Commercio.

Il dibattito sul premio nobel

Nel momento in cui li scienziati Frederick Banting e Charles Best stavano isolando l’insulina nel febbraio del 1922, che fu somministrata con successo su di un paziente umano per la prima volta, Paulescu stava aspettando una conferma per il suo brevetto. Quando Banting e Macleod ricevettero il Premio Nobel nel 1923, Paulescu si allarmò e scrisse al comitato del Premio Nobel, rivendicando la sua scoperta. La sua richiesta non fu mai accolta. 

Il riconoscimento, dopo 50 anni

Senza l’impegno del Professore Ian Murray, il lavoro di Paulescu non sarebbe mai stato riconosciuto. Nel 1971 la comunità internazionale aveva legittimato gli studi di Paulescu, 50 anni dopo la sua scoperta della pancreina. “I riconoscimenti verso le ricerche di Paulescu erano pari a zero” – spiega Murray – “al tempo, quando il team di Toronto guidato da Banting e Macleod stava iniziando gli studi, Paulescu aveva già estratto l’ormone anti-diabete dal pancreas di un bovino, provando la sua efficacia nel ridurre l’iperglicemia su cani diabetici”.

Oggi, purtroppo, questo riconoscimento non serve a molto. E’ significativo notare come quasi tutte le pubblicazioni sulla scoperta dell’insulina affermano che: l’insulina è un ormone prodotto dal pancreas. Fu isolato nel 1921-22 all’Università di Toronto.

Gli esperimenti di Paulescu condotti nel 1916 sono stati completamente ignorati. Il ricercatore romeno non è nemmeno citato come precursore nelle biografie di Banting e Macleod.

Fonte:  Diabetes.co.uk

Lascia un commento

Testo di sicurezza:*

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra