Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT. GERARDO MEDEA
Responsabile Area Metabolica, Società Italiana di Medicina Generale

METABOLISMO DEGLI ZUCCHERI

Domanda

Salve, ho 59 anni e da circa 15 soffro di diabete mellito di tipo 2 e di altre patologie (ipertensione arteriosa, colesterolemia, trigliceridemia e uricemia). Il mio piano terapeutico per contrastarle è cosi composto: una compressa di Combisartan al mattino prima di colazione; una compressa di Metformina da 1000 mg e una di Olevia dopo il pranzo; una compressa di Lobivon durante il pomeriggio; una compressa di Metformina, una di Crestor 10 mg e una di Allopurinolo dopo cena e una dose di Victoza da 1,8 prima o dopo cena. I valori glicemici riscontrati al mattino dopo una cena leggera e dopo un digiuno di circa 9 ore oscillano tra 150 e 170, quelli prima dei pasti tra 95 e 115, mentre quelli dopo i pasti (due ore dopo) tra 130 e 150. Come mai al mattino trovo dei valori così alti? Devo modificare qualcosa per cercare di abbassarli? Grazie in anticipo, Sergio.

Risposta

Gent.le Sig. Sergio,

il fenomeno da Lei osservato è dovuto al particolare metabolismo epatico degli zuccheri durante la notte e alla progressiva incapacità del pancreas di produrre un’adeguata quantità di insulina.

D’altronde la sua terapia antidiabetica sembra molto ben articolata e il suo diabetologo avrà certamente valutato e al momento escluso (in base ai valori della emoglobina glicosilata, da lei non riportati) altre ipotesi terapeutiche inclusa l'insulina.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio