Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT. GERARDO MEDEA
Responsabile Area Metabolica, Società Italiana di Medicina Generale

Il mio stato di salute è precario. Mi hanno trasferita e vorrei tornare alla vecchia sede. È possibile farlo con il mio stato di salute?

Domanda

Buongiorno, 
non so se posso chiedere un consiglio. Sono diabetica da 35 anni, (diabete mellito tipo 1) ho 51 anni, ho invalidità del 50%; cefalea con aurea, pressione alta, obesità (visto che insulina fa aumentare di peso) ed ho la legge 104 comma 1 art.3.,

Da gennaio 2017 mi hanno trasferito di ufficio (per fusione azienda) da 12km da casa a 36Km, ma, la sede a 12km esiste ed è operativa. A ottobre mi hanno cambiato mansione, ma non tragitto e a dicembre mi hanno revocato il part-time. Avevo comunque problemi nel gestire la glicemia in 5 ore lavorative, e tanti pomeriggi li ho usati per riprendermi dalla stanchezza (mentale del lavoro o da crisi ipoglicemiche), o per fare visite di controllo, ora ne devo fare 8. Mi ritrovo ad avere crisi sia ipoglicemiche che iperglicemiche (dovute a stress, sia x tragitto che per mansione nuova). Continuo a chiedere all'azienda d'avvicinarmi, di ridarmi il part-time, ma zero, ignorano anche i certificati d'invalidità, in loro possesso.

Da anni (visto che sono stata assunta come categoria protetta nel 1987) i sindacati mi dicono che se non ho 104 con gravità non posso avere nulla. Mi chiedo se il diritto di preservare questo stato di salute (anche se precario) sia pura illusione! La gestione di questa malattia richiede controlli costanti, ho persino il sensore della libre (per altro molto positivo), ma a fronte di tanti miglioramenti per controllare la glicemia, lo stress mi sta deteriorando gli sforzi, senza contare che i colleghi, visto che azienda ha revocato il part-time e non concesso l'avvicinamento, mi trattano anche da bugiarda, se ho una crisi, che mi butta giù particolarmente (non sono tutte così per fortuna), aspetto che passi e quando sono in grado mi accingo ad andare a casa; non è un male da pronto soccorso perchè mi viene mal di testa, tanta stanchezza e a volte nause e tanto mal di pancia con scariche (probabilmente la parte più sensibile al malessere) e poi devo affrontare 36Km (mi hanno chiesto, come si fa a sapere se stai male o no) e da parte dei piani più alti mi hanno detto di evitare anche di chiedere d'essere accompagnata, e di trovare qualcuno che possa venirmi a prendere, così se sto male (ammesso che trovi qualcuno disposto, devo aspettare oltre 1 ora).  Non è che non si vuole lavorare, ma avere più tranquillità così da preservare quello che c'è di salute! Il 25 gennaio ho fatto visita in commissione medica per aggravamento, visto che è sopraggiunta maculopatia diabetica su occhio sx e qualche altra complicanza dovuta ai tanti anni di questa malattia.
Qualsiasi suggerimento è ben accetto. Grazie Buona giornata

Risposta

Il mio consiglio è di presentare domanda di aggravamento dell’invalidità, facendosi assistere in commissione durante la visita dal suo medico curante e/o dal suo diabetologo di fiducia. Auguri.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio