Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT. STEFANO PARINI
Dirigente Medico dell’AUSL di Bologna presso l’U.O. di Medicina Interna dell’Ospedale di Budrio

DIABETE E AGGIORNAMENTI

Domanda

Salve, sono un ragazzo di 26 anni con diabete di tipo 1 da ben 24 anni. Volevo sapere: questo cerotto come funziona e dove va ancorato? Sostituisce le punture giornaliere? È una cosa attendibile? Attendo notizie, grazie.

Risposta

Il modo consolidato con cui praticare la terapia insulinica è quello di inocularsi il farmaco nel sottocute (cioè sotto la pelle). Questo può essere fatto o tramite iniezioni plurime nel corso della giornata, oppure utilizzando uno strumento che eroga continuamente un certo quantitativo di insulina, chiamato microinfusore.

Da alcuni mesi è disponibile un nuovo sistema per la infusione continua della insulina, di dimensioni inferiori al classico microinfusore (3,9 x 5,2 x 1,45 cm, 25 gr di peso), che si può applicare direttamente alla cute delle braccia, delle gambe, dell’addome o della parte inferiore della schiena, senza richiedere il cosiddetto “set di infusione” (catetere e agocannula). Va sostituito ogni 3 giorni e può essere utilizzato anche quando si fa il bagno. Un palmare remoto, grande come un cellulare, permette di regolarne il flusso ed i boli estemporanei.

È una ulteriore interessante opzione che può essere presa in considerazione per chi è trattato con insulina.

Per completezza segnalo che proprio in questo ultimo periodo è stata riproposta una formulazione di insulina per via inalatoria. Di seguito il link dell'articolo  http://iltuodiabete.it/farmaco-rivoluzionario-si-chiama-insulina-spray/

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio