Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

Dott. Giuseppe Marelli
Responsabile U.O. Diabetologia e Malattie Metaboliche dell’Ospedale di Desio e Vimercate

Conseguenze a lungo termine del diabete

Domanda

Sono Pasquale. Mia madre oggi ha 74 anni, ma è diventata diabetica ormai 11 anni fa. Vorrei sapere quali sono le conseguenze del diabete dopo tanto tempo.

Risposta

 

Con il tempo, le complicanze più frequenti del diabete dipendono dal livello di danneggiamento delle arterie di tutto il corpo e, quindi, degli organi irrorati da queste arterie.
Per esempio la chiusura parziale o completa delle arterie del cuore potrebbe portare all’infarto; il diabete potrebbe inoltre favorire la comparsa di ictus, con sintomi come la paralisi di una parte del corpo e la difficoltà a parlare.
I reni potrebbero perdere progressivamente la loro funzione di depuratori del sangue e portare a una insufficienza renale.
Una eventuale riduzione del flusso di sangue alle gambe o un’alterazione dei nervi possono provocare un dolore al polpaccio durante il cammino, e favorire la comparsa di infezioni o ulcere.
Una difficoltà di irroramento sanguigno dell’occhio potrebbe interessare la retina e, in casi estremi, causare danni permanenti alla vista.
Per evitare che tali situazioni si realizzino con gli anni, è fondamentale mantenere nel tempo uno stabile e adeguato controllo della glicemia, ma anche della pressione arteriosa e dei livelli di colesterolo (specialmente quello “cattivo”, l’LDL). E naturalmente adottando stili di vita corretti e rispettando un’alimentazione controllata, queste evenienze negative possono essere tenute sotto controllo.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio