iltuodiabete.it | BAMBINI CON DIABETE A SCUOLA: SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

BAMBINI CON DIABETE A SCUOLA: SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI

Nei confronti dei bambini di qualsiasi età è indispensabile che la scuola conosca il diabete, quali  i rischi e gli accorgimenti per prevenirli, quali  le procedure da attuare in caso di emergenza, e quali le possibili influenze sulla quotidianità scolastica del bambino affetto.

Risulta fondamentale una totale sinergia fra gli attori coinvolti, ovvero il personale dirigente della Scuola, gli Insegnanti, il Servizio Sanitario Regionale, le Famiglie e le Associazioni.

Farmaci a scuola

Nel 2005 sono state emanate le  Raccomandazioni  per la definizione di interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico. (http://www.trovanorme.salute.gov.it/normsan-pdf/0000/40776_1.pdf)
La somministrazione dei farmaci in orario scolastico deve essere formalmente richiesta dai genitori degli alunni o da chi esercita la potestà genitoriale, dietro presentazione di un certificato medico che attesti lo stato di malattia dell’alunno con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (posologia, modalità e tempi di somministrazione, conservazione del farmaco).

L'articolo 3 del documento indica le diverse figure professionali e non coinvolte:

  • le famiglie degli alunni e/o gli esercenti la potestà genitoriale;
  • la scuola: dirigente scolastico, personale docente ed ATA;
  • i servizi sanitari: medici di base e AUSL competenti per territorio;
  • gli enti locali: operatori assegnati in riferimento al percorso d’integrazione scolastica e formativa dell’alunno.

 Se all’interno dell’edificio scolastico non vi sono locali idonei né disponibilità di personale che possano garantire l’assistenza sanitaria degli alunni, i dirigenti scolastici, nell’ambito della normativa vigente, possono individuare altri soggetti istituzionali presenti sul territorio (come la Croce Rossa), e stipulare con essi accordi e convenzioni.

 

Riferimenti:
http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=1937&area=saluteBambino&menu=scuola

http://www.trovanorme.salute.gov.it/normsan-pdf/0000/40776_1.pdf

Lascia un commento