iltuodiabete.it | DABETE E ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO: QUALI LIMITI?

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

DABETE E ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO: QUALI LIMITI?

Generalmente la malattia diabetica non costituisce in alcun modo un limite allo sviluppo di una carriera. In particolare, sono ammissibili tutti quei mestieri che permettono uno svolgimento costante dell’attività professionale e non comportano un pericolo per la propria incolumità o per quella di altri, in conseguenza di una crisi ipoglicemica improvvisa. Sono, per esempio, auspicabili:

  • Le professioni sanitarie;
  • Le professioni tecniche;
  • Le professioni economiche giuridiche;
  • Attività assistenziali e sanitarie;
  • Occupazioni inerenti l’amministrazione e il commercio, occupazioni di carattere religioso, attività didattiche, occupazioni artigianali.

Sono vietate, invece, le seguenti professioni/ attività:

  •  vigile del fuoco, come recitato nell’art 2 del D.M. 3 Maggio 1993, n.228 – “Costituiscono altresì cause di non idoneità  per  l'ammissione ai concorsi di cui all'articolo precedente le seguenti imperfezioni e infermità […]  s)  il  diabete  mellito;  le  sindromi  dipendenti  da  alterata funzione delle ghiandole endocrine […];
  • controllore e assistente di volo (solo se si fa uso di farmaci non orali come l’insulina -Personal licensing, dell’International Civil Aviation Organization- ICAO);
  • connesse con il possesso di libretto di navigazione (pilota di aerei, navi, treni e autocarri) come sancito dal Regio Decreto Legge 14 dicembre 1933 n.1773 - Elenco delle infermità ed imperfezioni fisiche che sono causa di inidoneità per l'inscrizione nelle matricole della gente di mare di prima categoria […] 4. Il diabete zuccherino e le altre alterazioni manifeste del ricambio organico; […].
  • carriera militare;

Esistono, poi, casi in cui è il medico aziendale  a decretare il divieto del lavoratore diabetico che svolgendo determinate mansioni metterebbe a rischio la sua salute: in questi casi l’azienda deve assegnare una mansione diversa al dipendente anche se, in caso di ipotetica “ricollocazione” professionale, il datore di lavoro può licenziare il soggetto affetto da diabete, compromettendo così il diritto alla salute sancito dalla Costituzione ed inviolabile! 

Fonte:  http://www.icao.int/safety/airnavigation/Pages/peltrgFAQ.aspx

Lascia un commento