Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

Sport e diabete di tipo 1

Attività consigliate:
Nuoto, marcia, ginnastica, podismo, ciclismo, sci di fondo, canoa, danza

Attività sconsigliate:
Sport di combattimento, sollevamento pesi, immersioni, sport anaerobici puri, sport aerobici di lunga durata a livello agonistico, vela in solitaria e sport in cui l’ipoglicemia mette a rischio la vita propria e altrui.

Intensità:  50-80% VO2 max; la frequenza cardiaca da raggiungere durante l’attività fisica può essere calcolata con la formula: [(FC massima*– FC basale) x 50-80%] + FC basale

Durata:  30-60 minuti, escluso il riscaldamento e il defaticamento

Frequenza: almeno 3-4 volte la settimana

Precauzioni
Scarpe adeguate, monitoraggio glicemico prima, durante e dopo l’esercizio fisico (vedi testo), evitare l’esercizio intenso nel periodo post-prandiale (di massima insulinizzazione)

Consigli dietetici
Associare una dieta normocalorica con calorie derivanti per il 55-60% dai carboidrati, 10-15% dalle proteine e 25-30% dai grassi che sia ricca in fibre e offra un’adeguata integrazione idrico-salina (i carboidrati semplici sono consentiti prima, durante e dopo l’esercizio in base alla glicemia)
Adesione a lungo termine
Il medico valuterà con il paziente i benefici conseguenti all’esercizio fisico, gratificandoloo, favoremdo il supporto di persone che praticano la stessa attività e offrendo sport alternativi.

Precauzioni di sicurezza:

1. Programmare una accurata valutazione medica prima di intraprendere con regolarità esercizio fisico, soprattutto se:

  • si ha il diabete da molti anni
  • si ha qualsiasi complicanza del diabete
  • si è stati inattivi per lungo tempo
  • oltre che di diabete si è anche affetti da malattie cardiovascolari

2. Controllarsi i piedi ogni giorno:

  • osservare la presenza sui piedi di tagli, calli, vesciche e altre ferite
  • trattare il problema immediatamente, contattando un podologo se necessario
  • indossare calzini sottili e appropriate scarpe da sport

3. Prepararsi al trattamento di un’eventuale ipoglicemia:

  • sospendere immediatamente l’attività
  • trattare l’ipoglicemia preferibilmente con zucchero e bevande fresche (es. succhi di frutta)
  • ricontrollare la glicemia dopo 15 minuti per verificare l’effetto di quanto si è assunto
  • non riprendere l’esercizio fisico fino a che la glicemia non raggiunge almeno il valore di 100 mg/dl

4. Scegliere il sito in cui iniettarsi l’insulina, specialmente se si inizia subito l’attività. Questa precauzione non è necessaria se l’esercizio è programmato dopo 1 ora dall’iniezione di insulina.

5. Mai fare esercizio se:

  • c’è positività del test dei chetoni nelle urine (chetonuria)
  • il diabete è scarsamente controllato
  • si sente freddo, si ha l’influenza, infezioni o altre malattie

6. Mantenere un’adeguata idratazione:

  • evitare di praticare esercizi in ambienti caldi e umidi
  • bere acqua abbondantemente
  • non bere alcolici subito dopo gli esercizi

7. Comunicare il proprio diabete:

  • fare esercizi con un partner
  • avere con sé il proprio tesserino sanitario
  • informare gli allenatori, gli istruttori e i compagni di allenamento del proprio diabete e insegnare loro a riconoscere e trattare l’ipoglicemia.

Lascia un commento

Testo di sicurezza:*

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra