iltuodiabete.it | Una farina che non causa picchi glicemici: è possible!

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

Una farina che non causa picchi glicemici: è possible!

Protagonista indiscusso delle nostre tavole, il pane bianco è un alimento da sempre amato da tutti, grazie alla sua semplice ma gustosissima composizione. Purtroppo però, il tipo di amido in esso contenuto viene digerito dal corpo molto velocemente, causando picchi glicemici che possono essere smaltiti soltanto sotto forma di grasso. Questi picchi glicemici sono molto pericolosi sia per i pazienti che soffrono di diabete (perché spingono il pancreas a produrre una grande quantità di insulina), sia a per i soggetti sani, poiché a lungo termine danneggiano le cellule, aumentano il rischio di sviluppo il diabete di tipo 2 e impediscono all'organismo di sentirsi sazio, aumentando così il rischio di obesità.

Per questo motivo, i ricercatori del Quadram Institute di Norwich hanno avviato una ricerca volta alla creazione di un nuovo tipo di farina composta da amidi che possano essere digeriti più lentamente.

Secondo il professore R. Mithen, capo ricercatore della suddetta analisi sugli amidi, alterare la velocità con cui la farina viene digerita potrebbe aiutare a realizzare alimenti adatti ai diabetici e a chiunque abbia problemi di digestione.

Al momento il team sta analizzando i geni di diverse varietà di farine e di mais che contengono amidi già  facilmente digeribili dall'organismo umano, con l’obiettivo di creare una farina nuova totalmente composta da cereali presenti in natura, senza dover  ricorrere all'ingegneria genetica. Insomma, una rivoluzione nelle tecniche di produzione alimentare!

Per creare un prodotto così elaborato però, il team di Mithen necessita di tante analisi e di molta sperimentazione. Dovrà pertanto passare ancora molto tempo prima che questo pane perfettamente salutare, nutriente ed al contempo gustoso come quello “classico”, possa arrivare sulle nostre tavole.  Non  ci resta quindi che aspettare ed augurare al team del Professor Mithen buona fortuna.

Fonte : https://www.telegraph.co.uk/science/2018/06/18/guilt-free-white-bread-could-available-within-decade/

Lascia un commento