iltuodiabete.it | Frederick Grant Banting: la storia appassionante della scoperta dell’insulina

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

Frederick Grant Banting: la storia appassionante della scoperta dell’insulina

La Giornata internazionale del diabete (World Diabetes Day) è una giornata nata con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sul diabete attraverso diverse attività aggregative e informative. Più di 60 paesi aderiscono a questa campagna ed è stato deciso che il 14 novembre diversi monumenti nel mondo, verranno sempre illuminati in blu come segno di speranza per le persone che vivono con questa malattia e coloro che sono a rischio di svilupparla.

La data del 14 novembre  è stata scelta per celebrare la nascita del fisiologo canadese Frederick Grant Banting nel 1891, che insieme a John James Rickard Macleod, Charles Herbert Best e James Bertrand, scoprì l'insulina nel 1921 e il cui risultato consentì di trattare il diabete non più come una malattia mortale ma come una controllabile.

La vita di Banting fu molto particolare. Cresciuto in una fattoria gli animali furono il suo unico svago fino ai 7 anni, quando iniziò a frequentare la scuola dove veniva terrorizzato dagli studenti più grandi. Con il passaggio al liceo avvenne un profondo cambiamento: iniziò a praticare vari sport, tra i quali il football e il baseball, e fatto che segnerà il suo destino, si arruolò nelle milizie volontarie.
Al compimento dei 21 anni era abitudine della famiglia Banting regalare ai figli 1.500 $ e un cavallo, ma mentre i fratelli spesero quei soldi per sistemarsi all'interno della fattoria, Frederick li usò per la sua istruzione in Medicina. Materia che serviva molto anche al fronte, così nel 1918 fu mandato in Francia. Fu ferito seriamente e quando si riprese tornò in Canada, mise su una famiglia ed iniziò ad esercitare da professionista incontrando però gravi problemi finanziari.

Il 1º novembre 1920 Banting doveva sostenere una lezione sulla funzione del pancreas. Mentre si stava preparando la sua attenzione cadde su un articolo che trattava la scoperta di gruppi di cellule differenti da quelle acinose presenti nel pancreas. E a quel punto ebbe un'idea geniale, cioè quella di tentare di isolare il prodotto di quelle cellule facendo prima atrofizzare quelle esterne che producevano il succo pancreatico che distruggeva l'Insulina, ormone ancora sconosciuto. Si trasferì a Toronto, dove cominciò la sperimentazione con la collaborazione di due assistenti: Clark Noble e Charles Herbert Best.
Nonostante svariati problemi e la raccolta dati confusa, poco dopo cominciarono ad arrivare i primi esiti positivi: ottennero il primo estratto funzionante e lo chiamarono “Isletin”.
Il gruppo si arricchì di altri elementi fino all'11 gennaio 1922 avvenne la prima sperimentazione umana su un ragazzo di nome Leonard Thompson. Il primo tentativo non produsse risultati apprezzabili, ma il secondo sancì la scoperta della cura per il diabete abbassando il tasso glicemico ad un livello fisiologico.
Nel 1923 Banting ricevette il Premio Nobel in Fisiologia e Medicina insieme a Macleod.
Nel 1941 fu chiamato in Inghilterra per esprimersi sulla guerra con la Germania e l’uso di armi chimiche, ma purtroppo l’aereo cadde e Banting morì prematuramente.

Oggi si stima che nel mondo ci siano circa 350 milioni di persone che vivono con questa malattia e si calcola che ogni anno più di 3 milioni di persone che vivono con il diabete muoiano per malattie correlate. Ma il supporto e le intuizioni di questi pionieri hanno permesso di salvare tantissime vite umane e a loro va il nostro ringraziamento.

 

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_mondiale_del_diabete

https://it.wikipedia.org/wiki/Frederick_Grant_Banting

Lascia un commento