Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

Neuropatia diabetica

Che cos’è
La neuropatia diabetica, una delle complicanze cronica del diabete, è una patologia eterogenea con diverse manifestazioni; la prevalenza è del 20-30% circa.

Dopo molti anni (20-25) dall’insorgenza del diabete, infatti, circa il 50% dei pazienti presenta i sintomi di questa patologia. Una delle classificazioni più utilizzate distingue la polineuropatia simmetrica generalizzata (periferica), suddivisa a sua volta in acuta sensitiva, cronica sensitivo-motoria e vegetativa, e le neuropatie focali e multifocali, comprendenti quelle craniale, truncale, focale agli arti, prossimale motoria e la neuropatia vegetativa (autonomica).

Sintomi
La polineuropatia simmetrica generalizzata (periferica) provoca la riduzione della sensibilità, dolore, bruciori persistenti e, in uno stadio avanzato, disturbi della mobilità. Nello specifico, la neuropatia cranica può manifestarsi con la caduta della palpebra superiore e la paralisi dei muscoli di un lato del volto.

Interessa maggiormente gli arti inferiori: il sintomo più comune è il formicolio alle gambe e ai piedi, soprattutto nelle ore serali, a cui segue spesso la paralisi dei muscoli dei piedi che causa la deformità degli stessi. Questa situazione clinica, nota come “piede leonino”, provoca l’aumento di piccole lesioni cutanee sulla pianta del piede; queste, insieme alle deformazioni della struttura del piede (piede ad artiglio), aumentano il rischio di lesioni ulcerative che, se non trattate per tempo, potrebbero provocare necrosi dell’arto che, nei casi peggiori, richiede l’amputazione.

Quando il disturbo interessa i nervi del polso si parla di sindrome del tunnel carpale.

Il caso in cui la paralisi colpisca il gomito è denominato sindrome del canale di Guyon.

Anche se raramente, la neuropatia può svilupparsi a carico dei nervi intercostali provocando dolori difficili da trattare.

La neuropatia vegetativa (autonomica) si verifica qualora siano interessate le fibre del sistema nervoso autonomo che innervano il cuore, l’intestino, la vescica e gli organi genitali. Le manifestazioni di questa patologia possono essere capogiri, svenimenti, alterazioni cardiovascolari, ischemia silente, disturbi della funzione digestiva (stipsi e diarrea, ipoglicemie postprandiali, gastroparesi) e di quella vescicale e sessuale (deficit di erezione).

Il dolore fisico, inoltre, provoca nei pazienti ripercussioni psicologiche tali da peggiorare fortemente la qualità della vita.

Cause
Nonostante le cause della neuropatia diabetica siano molteplici, l’insorgere di questa patologia si riconduce principalmente a uno scompenso metabolico cronico.

L’aumento prolungato della glicemia nel sangue, infatti, determina una serie di modificazioni della struttura dei nervi che, perdendo funzionalità, causano l’alterazione della sensibilità delle parti del corpo interessate.

All’origine della patologia vi posso essere, però, anche altri fattori, quali l’età, il sesso, l’abuso di alcol, il sovrappeso, il fumo

Diagnosi
Lo screening della neuropatia deve essere effettuato utilizzando semplici test clinici ed è necessario in quanto in più della metà dei casi è asintomatica.

Alla diagnosi della neuropatia diabetica si giunge dopo aver effettuato un esame neurologico che valuti la sensibilità e i riflessi del paziente; inoltre esistono dei test specifici per i due tipi di neuropatia (periferica e autonomica).

Per confermare il deficit funzionale del sistema nervoso riscontrato è opportuno eseguire, in casi specifici, anche un esame elettromiografico, attraverso cui si riesce a determinare con maggior precisione la gravità della complicanza sopraggiunta.

Terapie
Nei casi di neuropatia dolorosa è necessario instaurare un trattamento farmacologico. Sono attualmente disponibili diversi farmaci con efficacia confermata da studi clinici tuttavia, a eccezione della duloxetina e del pregabalin, nessuno di essi è specificatamente autorizzato per il trattamento del dolore da neuropatia periferica.

La cura della neuropatia vegetativa riguarda i singoli apparati.

Prevenzione
Per prevenire la neuropatia diabetica è necessario effettuare controlli periodici che permettano di individuare i segni precoci della patologia.

È importante che i diabetici si accertino regolarmente che i propri valori glicemici siano nella norma ed è consigliato prestare particolare attenzione alle condizioni dei piedi per verificarne la sensibilità.

Lascia un commento

Testo di sicurezza:*

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra