Glossario

Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

S

Sartani (o antagonisti del recettore dell’angiotensina II)

Classe di farmaci per il trattamento dell’ipertensione di prima scelta nel diabete.

Scompenso glicemico

Condizione caratterizzata dalla presenza di elevati valori di glicemia e sintomi legati all'iperglicemia.

Sensibilità dolorifica

E’ la capacità di percepire il dolore. In caso di diabete c'è la possibilità che possa essere ridotta, soprattutto agli arti inferiori, a causa della neuropatia.

Sensibilità tattile

E' la capacita di provare sensazioni di contatto, pressione, vibrazione, solletico. Può essere ridotta nel diabete, soprattutto ai piedi, per effetto della neuropatia.

Sensibilità termica

Si configura come la capacità di distinguere le diverse temperature presenti, al tatto con la pelle. Può essere ridotta nel diabete, soprattutto ai piedi, per effetto della neuropatia.

Sensibilità vibratoria

La Sensibilità vibratoria pallestesia è la capacità di percepire le vibrazioni sul corpo. Si saggia poggiando sulle superficie ossee più sporgenti il piede di un diapason vibratorio, e si determina così l'insorgenza di una sensazione di trepidazione che è percepita dal periostio.

Sensori del glucosio

I sensori del glucosio sono apparecchi di media grandezza che misurano in continuo la glicemia tramite un prelievo sottocutaneo continuo dal liquido interstiziale. Possono essere interfacciati con i microinfusori per calcolare meglio la quantità di insulina da infondere con tali strumenti.

Sindrome Metabolica

Con il termine “sindrome metabolica” non si fa riferimento a una singola patologia, ma a un insieme di fattori di rischio legati a condizioni che aumentano la possibilità di sviluppare patologie cerebro e cardiovascolari e diabete. La sindrome metabolica presenta un rischio due volte maggiore di sviluppare malattie cardiache e cinque volte maggiore di sviluppare il diabete.

Sindrome nefrosica

Condizione caratterizzata dalla perdita di proteine con le urine tanto che le proteine nel sangue possono essere ridotte con conseguente comparsa di edema alle caviglie. Può comparire nel diabetico con nefropatia avanzata, soprattutto quando il compenso glicemico è stato lungamente insoddisfacente. 

Siringhe da insulina

Sono le classiche siringhe monouso in plastica per la somministrazione di insulina, ora largamente sostituite dalle penne.

Sovrappeso

Eccesso di peso corporeo rispetto all’altezza per un aumento moderato del tessuto adiposo.

Statine

Classe di farmaci molto usati nel diabete per ridurre il colesterolo LDL.

Steatosi epatica

Aumento del contenuto di grasso (trigliceridi) nel fegato. Si associa spesso al diabete, soprattutto in caso di sovrappeso e obesità.   

Sulfoniluree

Le sulfaniluree (o sulfoniluree) sono una famiglia di farmaci secretagoghi utilizzata per il trattamento del diabete mellito di tipo 2. La loro azione avviene a livello delle cellule insulari del pancreas, che vengono stimolate nella produzione di maggiori quantità di insulina. Per questo motivo le sulfaniluree non possono essere utilizzate nel trattamento del diabete mellito di tipo 1, in cui le cellule insulari non sono integre e non possono essere stimolate. Agiscono stimolando la secrezione di insulina.