UNA MEDICINA INSOSTITUIBILE: IL CIBO

Ultima modifica: 9 febbraio 2016

Autore: Il Tuo Diabete

Articolo

L’alimentazione è la chiave per la tua salute

L’alimentazione fa la differenza fra salute e malattia. Già gli antichi lo sapevano, ma noi abbiamo messo da parte questo pensiero, anche se oggi, fortunatamente, sta tornando l’attenzione al rapporto fra cibo e prevenzione.
“Fa che il Cibo sia la tua Medicina e che la Medicina sia il tuo Cibo” diceva Ippocrate, il primo medico di cui si ha notizia. La stessa attenzione si ha fra i romani, e poi nella Scuola Salernitana che mille anni fa pose le basi della Medicina moderna.
Dalla metà dell’Ottocento in poi, il florido sviluppo della farmacologia ha messo in ombra la nutrizione, al punto che oggi, in sei anni di studi universitari, i medici non seguono corsi specifici di nutrizione. Grave lacuna, visto il ruolo che l’alimentazione ha in ogni attività di prevenzione e gestione della salute.

La tavola, oggi
Nei Paesi avanzati, grazie all’industria e al commercio, la maggior parte delle famiglie riesce a garantirsi il necessario apporto nutrizionale. Peccato che nel frattempo il nostro dispendio calorico si sia ridotto: sono pochi i lavori che impegnano seriamente il corpo, e la maggior parte delle persone non cammina per più di qualche centinaio di metri al giorno.
Il risultato di questo squilibrio si tocca con mano: l’obesità è in costante aumento in tutto il mondo, anche fra i giovani. Come sappiamo obesità significa diabete, rischio elevato di infarti e ictus, correlazione con tumori e molte altre malattie che rischiano di svilupparsi non nella terza età, bensì molto prima.
Ancora oggi, purtroppo, per molti diabetici è più facile ed accettato assumere dieci farmaci diversi al giorno piuttosto che ridurre l’apporto di cibo o incrementare l’attività fisica; ci si augura che in futuro l’importanza di modificare i propri stili di vita abbia il sopravvento sul modo edonistico di nutrirsi oltre le proprie reali esigenze.

L’importanza di alimenti e modelli di dieta
L’attuale attenzione sui nutrienti isolati contribuisce alla confusione in merito a ciò che costituisce una dieta sana e indirizza l’industria, la politica e il pubblico verso diete che soddisfano selezionati e parziali valori nutritivi (proteine, grassi, fibre etc.) ma forniscono pochi benefici alla salute. Non serve demonizzare i singoli nutrienti o alimenti, ma occorrono diete equilibrate e abbinate a stili di vita sani.
Per questo le scelte alimentari devono essere fortemente supportate dallo sforzo dei medici per favorire il cambiamento del comportamento alimentare, ma anche da riforme sociali e sanitarie che attraverso nuove tecnologie e strategie politiche destinino incentivi economici a scuole, luoghi di lavoro, ambiente e sistema alimentare. Di fatto, occorrono una cultura e un ambiente globale (urbano in particolare) capaci di orientare, favorire e agevolare la scelta di corretti stili di vita.

Qual è il nostro ruolo?
Il nostro corpo è come una fabbrica. Con l’aiuto del medico o di uno specialista di fiducia, analizziamo le nostre abitudini alimentari, spesso ereditate meccanicamente dalla famiglia, e quando troviamo dei clamorosi errori:
– sostituiamo il responsabile degli acquisti di casa, spesso male informato e abituato ad acquistare merce reclamizzata
– abituiamoci a comprare e mangiare solo quanto consumiamo
– muoviamo quotidianamente il nostro corpo
Ma perché non è facile mettere in pratica questi sani principi? Perché la valenza emotiva del cibo ha il sopravvento sulla necessità fisiologica, perché più che per nutrire, il cibo è usato per gratificare.
Non perdiamoci d’animo, però, proviamo e riproviamo a mettere in pratica le indicazioni corrette di un medico di fiducia, i risultati si vedranno immediatamente: il corpo più leggero, il respiro più ampio e la glicemia che si stabilizza. Queste conseguenze positive ci convinceranno a mantenere le buone abitudini, senza peraltro fare drammi per le invitanti trasgressioni culinarie.
Adattare le abitudini alimentari non è facile, ma oltre che per noi, facciamolo per la nostra famiglia: tramandare ai figli un sano modello alimentare, abituandoli a scegliere sapientemente fin da piccoli, può essere un ulteriore incentivo per l’impegno in prima persona.

E ricordiamo che non siamo soli, la sezione A TAVOLA è piena di ricette, consigli e utenti attivi…


http://iltuodiabete.it/a-tavola/consigli/
http://iltuodiabete.it/a-tavola/ricette/
http://iltuodiabete.it/a-tavola/il-menu-del-giorno/
http://iltuodiabete.it/video-ricette/

Social

Ritieni utile l'articolo?

Vota selezionando un numero di stelle da 1 a 5, 1 inutile, 5 utilissimo

3 votes

Titolo: UNA MEDICINA INSOSTITUIBILE: IL CIBO

Ultima modifica: 2016-02-09T06:30:10+00:00

Autore: Il Tuo Diabete