Suggerimenti e indicazioni per fare attività fisica anche a casa

LA PALESTRA IN UNA STANZA

Ultima modifica: 4 settembre 2014

Autore: Il Tuo Diabete

Articolo

Suggerimenti e indicazioni per fare attività fisica anche a casa

In movimento senza muoversi da casa

Muoviti che ti passa. Il malumore, il nervosismo, lo stress da rientro dalle vacanze e tutto quanto fa malessere. L’attività fisica é una specie di bacchetta magica per chiunque e ancora di più per chi ha il diabete che la può considerare una parte integrante della terapia per i suoi effetti benefici: porta a un buon controllo metabolico che previene le complicanze della malattia, prima fra tutte l’ipertensione, migliora la risposta dell’insulina e abbassa i livelli di glucosio nel sangue. Insomma per il benessere dei diabetici il movimento è davvero un toccasana. Ovunque. Anche restando a casa. E sì, perché fare ginnastica “in pantofole” può essere un’alternativa più comoda e anche più economica della palestra. E soprattutto permette di fare esercizio fisico senza doversi spostare con il corredo anti emergenze, come gli apparecchi per la misurazione glicemica e dintorni.

Allenarsi fra le quattro mura, infatti, consente di avere tutto immediatamente a portata di mano senza rischiare di dimenticare qualcosa di importante.

Movimenti sotto controllo (medico)

Una bella comodità, non c’é che dire, ma che non deve portare all’assenza di regole. Infatti, se si vogliono ottenere dei risultati occorre essere costanti e impegnarsi in modo regolare: almeno un paio di volte la settimana e per un periodo di tempo tra i 20 e i 40 minuti. Prima di iniziare è comunque importante consultare il proprio diabetologo per concordare insieme qual è l’attività più adatta tra quelle da praticare a casa: oltre al corpo libero, pilates, cyclette, tapis roulant o step. Quindi va individuato l’ambiente idoneo a diventare la palestra domestica: ben arieggiato e con uno spazio sufficiente per muoversi comodamente sia da sdraiati che in piedi. Sì a un abbigliamento comodo come una tuta o, se fa ancora caldo, un costume. Invece delle scarpe da ginnastica, per facilitare la traspirazione dei piedi ottime le calze con la suola antiscivolo. Per fare esercizi da sdraiati o da seduti basta un materassino, oppure un semplice tappeto.

Allenati senza fatica

Per non sentirsi proprio soli, salviamoci il link https://www.youtube.com/watch?v=DtTFxJArj0g 

Importante è la fase iniziale di riscaldamento muscolare di bassa intensità: 5 minuti impegnati a fare un po’ di stretching, allungando, roteando e allargando le braccia alternativamente, divaricando le gambe e chinando il busto in avanti, portando alternativamente le ginocchia al petto. Una volta riscaldati, continuiamo con un quarto d’ora di esercizi per gambe, addominali e  glutei:  https://www.youtube.com/watch?v=j62TJnFtqzo

Alle volte bisogna diventare furbi con se stessi per essere costanti: provate a fare un “abbonamento” fai da te, barrate l’ingresso ogni volta che riuscite a dedicare anche solo 10 minuti a un po’ di movimento. Un piccolo trucco che può invogliarvi a non mollare subito, finché fare ginnastica diventi un’abitudine.

Un’attenzione particolare all’alimentazione che prima degli esercizi dovrà essere leggera per non impegnare la digestione. E andrà sempre eseguito il controllo glicemico prima e dopo l’attività, bevendo a intervalli regolari e facendo una bella doccia al termine della sessione.

(Buone) Azioni per mantenersi in forma

Infine è bene ricordare che oltre agli “allenamenti a domicilio” esistono anche delle semplici azioni quotidiane che possono aiutare a mantenersi in forma: salire le scale anziché prendere l’ascensore; tornare a casa a piedi e non in macchina; camminare quando si è al telefono. Bastano questi piccoli accorgimenti e si può arrivare a bruciare anche 50 calorie al giorno. Come dire: chi (non) si ferma, ha perduto. Chili e malumori.

Social

Ritieni utile l'articolo?

Vota selezionando un numero di stelle da 1 a 5, 1 inutile, 5 utilissimo

2 votes

Titolo: LA PALESTRA IN UNA STANZA

Ultima modifica: 2014-09-04T08:30:32+00:00

Autore: Il Tuo Diabete