Metforal è un ottimo farmaco per il controllo della glicemia.

Risposta

Informazioni sui valori glicemici e la sicurezza della metformina

Ho 76 anni, peso Kg. 78, altezza 175, da una anno sono diabetico di tipo 2, prendo Metforal 500 a colazione pranzo e cena, glicemia al mattino a digiuno da 120 a 130. Posso considerare buoni questi valori glicemici? Con il passare del tempo il Metforal 500 può portarmi conseguenze negative? Grazie per la riposta.

METFORAL 500: CONSEGUENZE NEGATIVE IN FUTURO?

Ultima modifica: 10 ottobre 2015

Autore: Il Tuo Diabete

Gentile Signor Luigi,

gli obiettivi glicemici teorici di riferimento per chi ha il diabete sono:

– Glicemia a digiuno e pre-prandiale 70-130 mg/dl
– Glicemia post-prandiale (cioè a 90-120 minuti dall’inizio del pasto) <160 mg/dl

Peraltro per ciascun caso specifico – compreso il suo – il Medico di riferimento (Medico di Famiglia o Specialista Diabetologo) può eventualmente rimodulare tali obiettivi alla luce del quadro complessivo, compresa età, anni di malattia diabetica, complicanze, tipo di terapia, episodi di ipoglicemia ecc.

Aggiungo che in casi come il suo, in cui in trattamento farmacologico è costituto da sola metformina a dosaggio intermedio, un regolare controllo glicemico circadiano non è strettamente necessario, mentre fondamentale è il controllo periodico – ogni 3-4 mesi – della HbA1c il cui valore di riferimento è 7% ovvero 53 mmol/mol.

Circa l’uso della metformina, sono ormai confermati i dati che indicano la metformina un ottimo farmaco sia per il controllo della glicemia, sia per la prevenzione delle complicanze cardiovascolari proprie del diabete, senza poi considerare l’effetto positivo sul peso. Segua quindi quanto le è stato prescritto con grande serenità, avendo l’attenzione di controllare periodicamente la funzione renale.

Social

Ritieni utile l'articolo?

Vota selezionando un numero di stelle da 1 a 5 (1 poco utile, 5 utilissimo)

1 vote

La tua domanda all'esperto

* indicates required field

Titolo: METFORAL 500: CONSEGUENZE NEGATIVE IN FUTURO?

Ultima modifica: 2015-10-10T12:30:28+00:00

Autore: Il Tuo Diabete