All'inizio è stata dura, ma pian pian il nuovo stile di vita è diventato parte di me

LA MALATTIA MI HA RESO PERSEVERANTE

Ultima modifica: 20 maggio 2014

Autore: Il Tuo Diabete

Articolo

All'inizio è stata dura, ma pian pian il nuovo stile di vita è diventato parte di me

Sono Chiara, ho 25 anni e 7 anni fa, a seguito di una trombosi alla gamba destra, mi è stata diagnosticata una insulino-resistenza. All’epoca, io che sono alta solo 1.60m, pesavo quasi 80 chili e non riuscivo a capire per quale motivo non riuscissi a tenere sotto controllo il peso (non sono mai stata una mangiona e mia mamma è dietista). Quando mi è stata spiegata la ragione per cui il mio corpo percepiva in maniera diversa gli zuccheri, ho incominciato un lungo cammino, certo faticoso ma necessario. Innanzitutto mi sono scontrata col fatto che il mio problema non si sarebbe risolto con un qualche farmaco miracoloso ma cambiando abitudini alimentari e stile di vita.   Per un anno ho seguito una dieta ferrea associata ad almeno un’ora di sport al giorno. Non nego il fatto che i primi mesi siano stati difficili e impegnativi – sia per me che per chi mi stava intorno! – ma poi, piano piano, ciò che mi era chiesto di fare per stare bene – e che io percepivo come una imposizione – è diventato parte di me. È stato fondamentale capire che quella malattia che io concepivo come qualcosa di ingiusto e limitante poteva essere la cifra della mia originalità. Oggi peso 50 chili e sono un vulcano di energia. Al di là dell’aspetto fisico – dove c’è stato un cambiamento notevole ma non dirimente – il diabete (di tipo 2) mi ha reso perseverante e misericordiosa nei confronti di me stessa e al contempo mi ha fatto scoprire che sono voluta bene, quotidianamente, fin nel particolare.   Due esempi tra i tanti: ho amici che vengono a correre insieme a me perché sanno che devo fare attività fisica ed altri che cucinano avendo in mente cosa posso o non posso mangiare!

Social

Ritieni utile l'articolo?

Vota selezionando un numero di stelle da 1 a 5, 1 inutile, 5 utilissimo

0 votes

La narrazione è un potente strumento di trasformazione della pratica clinica, perché gli aspetti medici del diabete non sono più separati da quelli autobiografici.

Scrivici la tua storia all’indirizzo email

Lascia una risposta

Titolo: LA MALATTIA MI HA RESO PERSEVERANTE

Ultima modifica: 2014-05-20T14:05:27+00:00

Autore: Il Tuo Diabete