Il diabete, la malattia

LA FORZA GRANDE DELLE MAMME

Ultima modifica: 2 settembre 2014

Autore: Il Tuo Diabete

Articolo

Il diabete, la malattia "invisibile" agli occhi dei bambini

Mi chiamo Giorgio, ho 15 anni e godo per mia fortuna di ottima salute, infatti non è di me che voglio parlare, ma di mia mamma Orietta, 48 anni appena compiuti.

Quando mia madre si è ammalata di diabete ero piccolo, avevo sei anni ma ricordo bene con quanta impazienza aspettavo di vederla di nuovo a casa con me e mio padre. Ora sorrido al ricordo di come era casa in quel periodo, un vero disastro! Papà lavorava tutti giorni, coi compiti non mi aiutava e non sapeva neppure cucinare un piatto di pasta.

Quando andavo a trovare la mamma in ospedale nel periodo in cui è stata ricoverata ero triste e arrabbiato, non capivo perché dovessero tenerla lì perché a me non sembrava affatto malata. Certo lei con i suoi sorrisoni e le sue rassicurazioni non mi aiutava a capire che in quel momento non stava bene e che anzi stava affrontando una situazione davvero delicata, infatti ho scoperto dopo che il diabete le stava per dare delle gravi complicanze al cuore.

Da bambini è un po’ difficile prendere coscienza di una situazione così particolare, di una malattia come il diabete che a quei tempi mi sembrava invisibile, e anzi, ne ero davvero convinto perché si sa, quando si è piccoli ogni mamma è una super mamma e io la vedevo solo un po’ pallida e stanca ma sempre presa a cucinare, pulire e accompagnarmi a scherma.

Poi crescendo ho iniziato a vedere e a capire quei momenti di debolezza e di allontanamento, quegli spuntini dolci fuori pasto ai quali cercavo di unirmi, e in effetti mi è rimasta questa cara abitudine di condividere con lei barrette o merendine, mi sono sempre sembrati dei piccoli regali che hanno fatto aumentare la complicità tra di noi.

Invece non smettono di dispiacermi quei piccoli lividi che ogni tanto fanno la pelle della mamma a pois; per fortuna non ho il diabete, perché bucarmi tutti i giorni mi farebbe molta impressione, anche se sono un maschio.

Ora ho imparato a conoscere questa malattia e ammetto che, con non poca fatica, sono riuscito a farle capire che può fare affidamento anche su di me, che non è sola quando è in ipoglicemia e magari papà non è casa perché è via per lavoro. Sono contento di starle vicino in questi momenti, anzi, ora che sono grande so che posso prendermi cura di lei.

 

Social

Ritieni utile l'articolo?

Vota selezionando un numero di stelle da 1 a 5, 1 inutile, 5 utilissimo

0 votes

La narrazione è un potente strumento di trasformazione della pratica clinica, perché gli aspetti medici del diabete non sono più separati da quelli autobiografici.

Scrivici la tua storia all’indirizzo email

Lascia una risposta

Titolo: LA FORZA GRANDE DELLE MAMME

Ultima modifica: 2014-09-02T08:30:30+00:00

Autore: Il Tuo Diabete